Dicembre 5, 2016

Collettivo HIC

HIC è l’acronimo coniato da Claudio Lugo per Hidden Improvisers Consort; ossia un ‘consort’ (ensemble musicale di epoca elisabettiana) d’improvvisatori. Generalmente operiamo di nascosto.

L’idea nasce originariamente dai musicisti Mario De Simoni, Pietro Martinelli e Lorenzo Capello per dare luogo a stimoli e riflessioni appartenenti all’universo dell’improvvisazione musicale.

Da qui, a partire dalla primavera del 2014, cominciano le riunioni del collettivo, durante le quali un largo numero di musicisti ha preso parte ad un percorso di studio e mutua conoscenza.

La ricerca si basa primariamente sull’esplorazione dell’improvvisare in musica, con esercizi e pratiche proposte da Claudio Lugo e volti a mettere in luce, di volta in volta, alcune riflessioni su quanto e come sia possibile realmente percepire un’idea di composizione istantanea, soprattutto in presenza di un buon numero di musicisti. Spesso i riferimenti e le sperimentazioni travalicano i confini musicali, arrivando necessariamente a coinvolgere indistintamente qualsiasi mezzo espressivo. Nasce quindi spontaneamente l’idea di possibili collaborazioni e scambi con artisti di diversa estrazione.

Hanno fatto parte di HIC fino ad ora:

Claudio Lugo [sassofono], Mario De Simoni [chitarra], Pietro Martinelli [contrabbasso], Lorenzo Capello [batteria], Marco Traversone [chitarra], Francesco Mascardi [sax, flauto], Andrea Leone [sax], Tommaso Rolando [contrabbasso], Giulio Gianì [sax], Eugenia Amisano [voce], Laura Torterolo[voce], Pippo Costella[voce], Francesco Aroni Vigone [sax], Giancarlo Canazza [sax], Tina Omerzo [piano], Livio, Davide Mantovani [batteria]

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi